Loading...

Quasi per magia …la soluzione

Come ti stavo dicendo, quasi magicamente, ho trovato la soluzione…
Durante una passeggiata alla cima di un monte di 1997 mslm, in compagnia di mia figlia che ama quanto me le camminate in mezzo alla natura, stanchi e accaldati dal sole del primo pomeriggio estivo, ci troviamo ad affrontare uno dei tratti più impegnativi del sentiero a pochi metri dalla vetta, lungo un crinale molto scosceso conosciuto come “il ghiaione”.
Nel silenzio più totale sentiamo il grido dell’aquila proprio sopra le nostre teste!
Non è che per caso siamo arrivati troppo vicini al suo nido, ci chiediamo?
Mi tolgo lo zaino in spalla e lo appoggio sul sentiero…
L’aquila passa proprio sopra di noi e cerco di prendere dallo zaino la macchina fotografica, ma nella fretta di voler riprendere il rapace non bado a dove appoggio lo zaino che rotola a valle nel ripido canalone di ghiaia e sterpi!
Mia figlia mi ha fulminato con lo sguardo! C’era il nostro pranzo nello zaino che rotolava nel pendio…e non solo… anche la corda, il coltellino serramanico e il k-way per la pioggia (“attrezzatura obbligatoria” dell’escursionista!)
Dobbiamo recuperarlo a tutti i costi  ma, il sentiero per raggiungerlo non esiste!
Con impavido coraggio mia figlia mi rassicura che lo avrebbe potuto recuperare e con grande apprensione di padre decido di fidarmi; la lego a me con la sua corda e le consiglio il miglior modo per evitare cadute pericolose: scivolare lentamente lungo il pendio con il sedere appoggiato sui sassi mentre la tengo in sicurezza!
Scende, recupera lo zaino e a fatica risale… e dopo 20 minuti è al sicuro nuovamente sul sentiero e… cazziatone al padre per la disattenzione. Ci sta’!
Noto però, in questa sua impresa, che oserei definire quasi eroica per una ragazza, che aveva tutto il dietro dei pantaloni bagnati!!! … Con preoccupazione le chiedo se per la paura non se la fosse fatta addosso. Ma non era così!
Mi fa notare che qualche metro sotto al sentiero sgorgava una piccola sorgente e che passandoci sopra seduta si era bagnata il sedere.
Una sorgente quasi in vetta???!!! Non ci potevo credere!
E come poteva sgorgare questa piccola sorgente se sopra di essa non vi è più nulla?
Eravamo praticamente a una cinquantina di metri dalla vetta…e sopra di noi solo sassi e niente più!
Incuriosito, mi faccio coraggio e, in sicurezza  scendo a dare un’occhiata, la trovo spostando qualche pietra e ne assaggio un sorso… Wow!!! Buonissima! Leggerissima! Decido di vuotare la mia borraccia e riempirla con l’acqua della sorgente… più ne bevevo e meno la sentivo scendere in pancia…
Fantastica! Acqua purissima e di una leggerezza incredibile! Dolce!
Ma come è possibile?
Vuoi vedere che ho riscoperto la sorgente dell’Eterna Giovinezza come quella degli Hunza in Pakistan? Popolo che grazie anche alla presenza di acqua pura e cruda erano conosciuti per la loro longevità ! Ecco l’acqua che tutti vogliamo bere!

 

Ora le cose sono completamente cambiate  – ho trovato il modo di avere sempre una acqua limpida, inodore, pura e viva.
E tutto questo anche grazie ad una cena a casa di un amico in città!

 

E allora, quali criteri di valutazione si devono utilizzare per garantirti la migliore acqua viva e non avere più preoccupazioni e/o fare fatiche inutili e non ultimo inquinare il nostro pianeta?

Nel prossimo incontro vedremo tanto contenuto, quindi ho pensato di regalarti alcune utilissime Mappe Mentali in Jpg.

che puoi scaricare GRATIS facendo click qui

così che tu e la tua famiglia possiate iniziare a conoscere meglio il valore dell’Oro Blu e tutte le sue componenti essenziali.

Utilissime mappe anche per far apprendere ai nostri figli ( e non solo) l’importanza dell’acqua – mia figlia ne va matta e ormai ne sa più di me !!
OK, abbiamo fatto un bel po’ di strada in questa sezione.
Fai un respiro. Non è necessario che tu prenda in considerazione tutte le informazioni contenute nelle Mappe…non è neanche necessario tu CONOSCA tutto quanto.
Molte persone mi hanno chiesto quanto sia “viva” l’acqua in vendita nei super:
Non solo quella in PET ma pure quella in bottiglia ha una scadenza e può essere conservata fino a 2 anni per legge!
E quindi se hai una bottiglia con scadenza tra un anno, in media è ferma (molti naturopati direbbero “morta”) da circa 9 mesi.
E non bisogna essere degli esperti di alimentazione naturale, fresca e viva per capire che questa cosa non è proprio il massimo per le nostre piccole cellule
C’è da fidarsi secondo te? In alcuni casi forse sì, ma in molti altri…direi proprio di no!
A breve ti spiegherò…:-)
A presto
Walter

 

CONDIVIDI